Piccoli, colorati e appetitosi, i frutti di bosco occhieggiano nei rovi lungo i sentieri di montagna diventando una prelibata merenda da conquistare per chi si avventura e si impegna a coglierli.
Ma fortunatamente, per i più pigri, fanno bella mostra di sé anche in sontuose decorazioni di torte e crostate da pasticceria. In effetti i frutti di bosco sono usati in cucina soprattutto nei dolci. Spesso usati in salse a decorazioni di yogurt, torte al formaggio e panne cotte, sono inoltre ottimi anche in marmellate e conserve. E proprio le marmellate di mirtilli sono note protagoniste di uno studio empirico sulle proprietà benefiche di questi frutti.

Durante la seconda guerra mondiale, fu infatti notato che i piloti della RAF che consumavano più confettura di mirtilli sembravano avere una vista migliore nelle ore notturne. Le indagini scientifiche successive hanno confermato questa proprietà, dovuta alla presenza di pigmenti blu, detti antociani, ed anche l’efficacia dei mirtilli contro le infezioni gastrointestinali e le cistiti.

Le loro bacche di colore blu e il nero crescono fra i rovi nel sottobosco, in tutta Europa. In Italia sono diffusi soprattutto sulle Alpi e sugli Appennini, crescendo fino a 2200 metri di altitudine. Scendendo più in basso, intorno ai 1900 metri, si possono trovare le bacche di lamponi, di forma simile alle more, ma di colore rosso o rosa intenso. I lamponi sono usati anche in farmacia come dolcificante di medicinali, in cosmetica come coloranti.

Meno diffusa, anche a causa dell’inquinamento ambientale, è l’uva spina, una varietà di ribes di colore giallo o verde pallido e dal sapore un po’ acido. Le sue bacche, dalla polpa molto croccante, sono ricche di sali minerali e vitamine.

Gli altri tipi di ribes, il rosso e il nero, sono più diffusi e maturano in genere d’estate tra giugno e agosto. Il tipo rosso, che in realtà può anche avere un colore bianco, è il più diffuso in Italia. Come l’uva spina, il ribes è ricco di vitamina C.

Infine abbiamo la mora, questa bacca cresce spontaneamente in collina e in montagna, è ricca di vitamina C, in essa sono presenti il potassio, il manganese, la vitamina E e l’acido folico.
Tutti questi componenti svolgono un’azione antiossidante utile al benessere del cuore e delle arterie.

Lascia un commento