Consigli per una pizza digeribile

Spesso capita di avere richieste di informazioni e commenti sulla preparazione della pizza. Molti si lamentano della consistenza e della lievitazione.

Si deve dire prima di tutto, che la pizza è simile al pane, per questo dovrebbe seguire lo stesso criterio di lievitazione, e non quello di 3-4 ore come è diventato di moda. Il lievito non cresce, dando sicuri problemi di digestione e gastrite.

Seguite questi passi e poi fateci sapere:

– impastate la pasta verso sera con metà farina e circa 3-5 g di lievito (impastare molle);
– coprite con un panno asciutto e fate riposare;
– la mattina verso le 8 reimpastate con l’altra metà della farina, sale, olio, acqua;
– fate un impasto morbido e lasciate riposare un’ora circa;
– stendete la pasta in una teglia e tenetela a riposo fino all’ora di cena;
– la sera scaldate il forno per circa 20 minuti e infornate la teglia, cuocendo come al solito

vantaggi: lievitazione lenta, migliore digeribilità, pizza decisamente più buona.

Provare per credere.

Ovviamente se non sapete che pizza preparare, potete dare un’occhiata alla nostra sezione pizze

Lascia un commento